🔥 PISSED FEMINIST 🔥 ITA

May 20, 2024

Recentemente qualcunə mi ha detto, parlando della mia posizione politica: “Sei sempre arrabbiata con il mondo”.

È divertente come l’intenzione fosse di insultarmi, ma l’unica cosa che volevo rispondere era “Grazie per averlo notato!”.

Perché noi SIAMO arrabbiatə, non con il mondo, ma con la struttura capitalistica che consente alla disuguaglianza, allo sfruttamento e alla discriminazione di essere il fondamento della nostra società. E quando l’unica alternativa all’essere arrabbiatə è essere complici del maltrattamento proprio e altrui, è facile capire come essere arrabbiatə sia in realtà l’unica cosa sensata da fare.

Per non parlare del fatto che è anche l’unica cosa UTILE da fare. Perché se da un lato riconosciamo che non è necessario che un’emozione sia “produttiva” per essere valida, è anche vero che nessunə ha mai cambiato il mondo perchè ne era soddisfattə e contentə. E il nostro mondo ha un disperato bisogno di essere cambiato.

Ho iniziato la mia collezione “Pissed Feminist” per questo motivo, perché sapevo che tuttə lə femministə e lə attivistə devono sorbirsi domande e commenti come “perché sei sempre così arrabbiatə?” o “non dovresti essere sempre così arrabbiatə”, quando ciò che le persone dovrebbero fare è ringraziarci per esserci presə la responsabilità di analizzare con spirito critico il mondo.

Volevo che avessimo qualcosa che sentissimo come un distintivo d'onore e che mettesse in luce una verità che molti fingono di non vedere: lə femministə incazzatə cambiano il mondo. Sono state persone incazzate a garantirci i diritti di cui godiamo oggi, e noi abbiamo tutte le intenzioni di essere le persone incazzate che faranno lo stesso per le prossime generazioni.


“Pissed feminists change the world. You’re welcome.”

Leave a comment

Comments will be approved before showing up.


Also in Collections Explained

🔥 PISSED FEMINIST 🔥 ENG

May 20, 2024

All feminists and activists have to face questions and comments such as “why are you always so mad?” or “you shouldn’t be so mad all the time”, when what people should be doing is thanking us for taking the weight of critically analysing the world, on our shoulders.

Read More